PIERO GILARDI AD ARTE FIERA 2018

In un momento di grande attenzione da parte del mercato nei confronti dell’Arte Povera e dell’arte italiana degli anni Sessanta e Settanta, anche le opere di Pietro Gilardi (Torino 1942) vivono un momento di riscoperta. Lo dimostra l’asta di Christie’s Milan Modern and Contemporary del 27 aprile 2017, in occasione della quale, il Trilite Spezzato del 1965 ha stabilito un hammer price record di 80,000€.

L’artista torinese, celebre per le sculture fitomorfiche in schiuma di poliuretano espanso, è stato portato ad ArteFiera dalle gallerie Giraldi di Livorno e Biasutti&Biasutti di Torino che hanno organizzato i loro stand in modo da dedicare un posto d’onore ai Tappeti-Natura così descritti dallo stesso Giraldi: «Quando ho cominciato a farli quei tappeti […] avevano due aspetti: l’idea del materiale sintetico che sostituisce la natura, e quindi un discorso “industrialista”, e la nostalgia per la natura vera.» (G. Bindi, Prendere coscienza della realtà. Cinque parole sull’arte di Pietro Gilardi, in: Piero Gilardi. La tempesta perfetta, Milano, 2018, p. 12)

L’incontro con i galleristi ha confermato un crescente interesse da parte dei collezionisti italiani, in primis, ma anche svizzeri, tedeschi e statunitensi, per l’artista che, per Dario Giraldi, merita una riscoperta: «Quello che stiamo vivendo è un momento chiave per Gilardi e l’arte italiana in generale. Il pubblico inizia ad apprezzarlo e a seguirlo, lo testimonia il fatto che sono sue le prime opere che ho venduto, come questa Nevicata del 2014 (cm 100X100) che, per la precisione, andrà in Svizzera».

IMG_3296

Courtesy by Galleria Giraldi

 

Inoltre, a detta del gallerista, i tempi sarebbero pronti ad accogliere stabilmente Gilardi nel mercato internazionale come dimostra la presenza delle sue opere all’esposizione Un Art Pauvre, tenutasi al Centre Pompidou nell’estate del 2016, la partecipazione, sempre nello stesso anno, a L’inarchiviabile, Italia anni ‘ 70  ai Frigoriferi Milanesi e la mostra monografica Nature Forever svoltasi la scorsa estate al MAXXI di Roma. In quest’occasione i curatori Hou Hanru, Bartolomeo Pietromarchi e Marco Scotini hanno presentato le opere più rappresentative dell’artista spaziando dai Tappeti alle opere di impegno politico senza trascurare la New Media Art mediante la quale Gilardi, già negli anni Ottanta, rifletteva sulle implicazioni dell’informatica nel processo di relazione tra il pubblico e l’opera d’arte e sul rapporto tra uomo, macchina e ambiente.

Interesse e riscoperta che si tramutano in acquisti incentivati dai prezzi ancora accessibili, dal forte impatto visivo delle sculture e dalla loro natura “domestica”.  A questo proposito  la Biasutti&Biasutti, che tratta l’artista dal 2003, ha riscontrato un aumento costante nelle vendite che si concentrano soprattutto sulle opere storiche.

Nello specifico Dario Giraldi ha tenuto a precisare che: «La modalità di acquisto permette di distinguere il neofita dal collezionista il quale, contrariamente al primo, punta alle sculture realizzate tra gli anni Sessanta e gli Ottanta il cui valore è in costante ascesa. Importante è anche la differenza di prezzo tra le due fasi di produzione; se le opere più recenti oscillano, a seconda delle dimensioni, tra i 5.000€ e i 40.000€, quelle storiche tra i 20.000€ e 200 mila€».

Le recenti aggiudicazioni d’asta confermano l’interesse crescente dei collezionisti nei confronti delle opere storiche di Gilardi che, nonostante le stime contenute, sono state battute in asta a prezzi molto più alti. Un esempio è il caso della Sassaia di fiume (100X100X20 cm) del 1968 che, il 5 dicembre 2017, è stata venduta dalla casa d’aste Il Ponte per 52.500,00€ (prezzo netto) sebbene fosse stata valutata tra i 10.000€ e 15.000€.

Diletta Piermattei

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...