Fotografia nel mondo delle case d’aste: Phillips & Bonhams

Esaminando l’andamento della fotografia battuta delle case d’aste Phillips e Bonhams  nel primo semestre del 2017 si può costatare come questo medium artistico sia fortemente presente nel mercato dell’arte odierno. La fotografia, sia quella contemporanea che storica, è fortemente presente nel mondo del collezionismo d’arte e alcune opere fotografiche arrivano ad essere battute all’asta per migliaia di euro.

Per quanto riguarda la casa d’asta Phillips, negli ultimi sei mesi sono state tenute due aste di fotografia, a New York e a Londra, rispettivamente il 4 aprile ed il 18 maggio. Nell’asta Photographs di New York sono stati messi all’asta 346 lotti, dei quali sono rimasti invenduti 67 di questi, ovvero il 19% dei lotti totali, nonostante ciò col totale dei lotti venduti l’asta ha raggiunto il prezzo di 7.944.747€ – incluso il Buyer’s Premium – di questi 259.808€ sono stati battuti per il top lot dell’asta, la fotografia di Robert Mapplethorpe Tulips, 1977, la cui stima era inizialmente compresa tra 171.924€ e 257.887€.

Schermata 2017-07-20 alle 14.25.18

L’asta Photographs tenutasi a Londra il 18 maggio invece ha proposto 93 lotti di opere fotografiche, dei quali sono stati battuti 81, lasciando 12 invenduti, il 13% delle opere in asta. Il prezzo totale raggiunti in quest’asta è stato di 2.044.354€ – incluso il Buyer’s Premium – ed il top lot dell’asta, la fotografia Transform (Lipstick), 1990
 di John Baldessari , ha raggiunto il prezzo di 435.271€, rientrando nella stima compresa tra 342.000€ e 455.000€.

Schermata 2017-07-20 alle 14.25.20

In base al prezzo medio raggiunto dalla casa d’asta per le fotografie nelle aste prese in esame si può constatare un incremento crescente dei prezzi di vendita delle opere rispetto alle aste di fotografia di Phillips del 2016.

Schermata 2017-07-20 alle 14.25.16

Contrariamente, esaminando l’andamento delle aste di Bonhams degli ultimi sei mesi e dello scorso anno si può notare che i prezzi medi delle fotografie battute all’asta sono di molto inferiori rispetto a quelle della casa d’asta Phillips e con una più alta percentuale di invenduti.

Schermata 2017-07-20 alle 14.25.23

L’asta Photographs di Bonhams, tenutasi questo 25 aprile a New York, ha venduto solamente 50 lotti su 111 totali, con 61 lotti invenduti ovvero il 55% delle opere in asta. Il controvalore totale dell’asta in questione ha raggiunto i 407.203€ battendo all’asta come top lot una fotografia di Ansel Adams, The Grand Tetons and the Snake River, Grand Teton National Park, Wyoming, curioso è che anche nelle aste del 2016 tutti i top lot sono stati raggiunti con opere di Adams.

Schermata 2017-07-20 alle 14.25.22

Le aste di Bonhams del 2016, tenutesi il 26 aprile ed il 25 ottobre, hanno riscontrato anch’esse un alto numero di lotti invenduti, rispettivamente il 35% ed il 54%. E per quanto riguarda invece l’andamento di quest’anno rispetto quello passato non si può non notare che la media di lotti all’asta con invenduti ed il prezzo totale raggiunto è inferiore.

Greta Belintende

Photo:

Copertina: Catalogo Phillips (Robert Mapplethorpe Tulips, 1977)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...