Alla Triennale di Milano Thea Djordjadze dialoga con Fausto Melotti

La Triennale di Milano dal 7 luglio al 27 agosto ospita l’esibizione Thea Djordjadze – Fausto Melotti, Abbandonando un’era che abbiamo trovato invivibile a cura di Lorenzo Giusti e con la direzione artistica di Edoardo Bonaspetti.

DSC_0111

In mostra si trovano trenta opere di Fausto Melotti (Rovereto, 1901 – Milano, 1986) tra cui un prezioso nucleo di ventiquattro “Teatrini” realizzati tra gli anni Quaranta e la metà degli anni Ottanta con disegni e schizzi preparatori in dialogo con sedici sculture site specific di Thea Djordjadze (Tbilisi, 1971). Queste inizialmente dovevano essere diciotto ma durante l’allestimento della mostra l’artista georgiana ha preferito non esporne due che si trovano esposte presso la galleria kaufmann repetto, Milano. La Djordjadze ha creato delle installazioni minimali vicine ai principi del design contemporaneo e alla scultura astratta che si inseriscono nello spazio espositivo e possono essere interpretate sia come un’installazione indipendente, sia come mero mezzo di supporto fisico alle opere del grande scultore italiano. Questo incontro intergenerazionale e stilistico porta alla creazione di molteplici rappresentazioni che sebbene si sovrappongano risultano essere integrate tra loro.

DSC_0105

DSC_0113

Fausto Melotti ad oggi è uno degli artisti più apprezzati nel panorama economico artistico internazionale (vedi indice tratto da artprice), le sue opere vengono stimate in asta da 200.000 – 600.000 euro e recentemente, alla Milan Modern and Contemporary di Christie’s, la sua Tema e variazioni I (1970) ha raggiunto il record d’artista essendo stata battuta per 608.190 euro.  Nonostante le performance che sta ottenendo sul mercato, il nucleo di opere qui esposto rappresenta un unicum difficilmente equiparabile alle opere che circolano alle aste, grazie alla sua originalità e per via della sua recente riscoperta; inoltre queste opere sono in prestito da collezioni private e non sono in vendita (la Casa museo Remo Brindisi, la Collezione Gori, la Fondazione Fausto Melotti la cui estate dal 2015 è rappresentata dal colosso svizzero Hauser & Wirth, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, Alina Kalcynska Scheiwiller e altri che desiderano conservare l’anonimato).

Cattura mel

Diverso è il discorso economico attorno all’opera dell’artista georgiana. Le opere site specific esposte in Triennale sono prodotte dalla Sprüth Magers – l’artista fa parte della scuderia della galleria tedesca sin dal 2003 – e dalla kaufmann repetto – prima mostra nello spazio milanese nel 2010 – e sono tutte in vendita. Thea Djordjadze ha studiato pittura alla Kunstakademie Düsseldorf con Rosemarie Trockel, attualmente vive e lavora a Berlino; oltre ad essere scultrice è performer. Inizia ad esporre nel 1999, tra le sue mostre personali recenti si ricordano quella al MoMA PS1, New York (2016), al Frieze Project, Londra (2015) , al MIT List Visual Art Center, Cambridge (2014), al Padiglione Georgiano alla 55ma Biennale di Venezia (2013) e dOCUMENTA 13, Kassel (2012); tra le sue mostre collettive più recenti si ricordano la partecipazione al QBOX, Atene (2016), alla Ruben Family Collection, Miami (2015), alla 56ma Biennale di Venezia (2015), al Museo Civico Archeologico, Bologna (2014), al Palais de Tokyo, Parigi (2013) e al Museo Tamayo, Città del Messico (2012).

domus-melotti-triennale-03

Sul mercato, in particolare quello occidentale, si posiziona all’interno di una fascia medio alta, infatti le sue opere hanno quotazioni che oscillano da un valore minimo di 20.000 euro a 100.000 euro, a seconda dei materiali utilizzati e della dimensione del lavoro. Le opere esposte in La Triennale hanno un valore minimo di 27.000 euro più IVA.  Rispetto al lavoro di Fausto Melotti, le opere non circolano, fortunatamente dicono dalla kaufmann repetto, in asta; inoltre, aggiungono, non è previsto e nemmeno ricercato nessun margine di ritorno economico tramite questa mostra, ma solo d’immagine.

 

Andrea Scampini

 

Photo credits:

4: https://it.artprice.com/

5: http://www.domusweb.it/it/arte/2017/07/18/piccoli_universi_muti.html

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...