La pittura di Piero Dorazio in asta

Piero Dorazio (Roma 1927 – Perugia 2005) è stato uno dei maestri italiani del Novecento più noti all’estero. In gioventù ha partecipato alla difficile evoluzione dell’Arte Astratta italiana del dopoguerra dedicandole una vita di ricerca artistica. In polemica con il realismo socialista, Dorazio espone nel 1946 con il gruppo Arte Sociale fino alla redazione del manifesto Formalismo-Forma 1. La sua presenza è stata costante nelle più importanti rassegne d’arte internazionali come la Biennale di Venezia (di cui sarà commissario nel 1970) dove espone nel 1960, nel 1966 e nel 1988; più volte è presente a Londra, a New York e in gallerie svizzere e tedesche, mentre dal 1960 al 1970 dirige il dipartimento di Pittura, Scultura e Grafica della School of Fine Arts dell’University of Pennsylvania, dove insegna come professore. Nel 1985 e nel 1986 debutta con mostre personali a Tokyo e a Osaka. Fra il 1993 ed il 1996 ha ideato il progetto per l’esecuzione di cinquanta grandi mosaici di artisti internazionali nella metropolitana di Roma.

L’andamento economico delle aste nel primo semestre del 2017 riconferma l’interesse che la pittura di Piero Dorazio sta suscitando nel mercato italiano. Il confronto col primo semestre del 2016 mostra infatti un aumento del 68% del fatturato in Italia, a fronte di una diminuzione del 45% all’estero.

Lotti fatturatoPercentuali

Quest’anno il record di battitura se lo aggiudica Giallino (1977), venduto dalla casa d’aste Wannenes il 25 maggio (presente nella monografia di Marisa Volpi Orlandini, Alfieri Edizioni d’Arte, Venezia 1977, e alla mostra alla Galleria Emmerich di New York dello stesso anno). L’opera, scelta anche come copertina del catalogo, viene aggiudicata ad un prezzo di martello di 140.000 EUR contro una stima di 90.000 – 110.000 EUR.

Giallino

Giallino (1977)

Nel 2016, il mercato di Dorazio, si era concluso con un fatturato di più di 2.300.000 EUR con un record d’asta italiano: Allaccio A (1966) stimato per 60.000 – 80.000 EUR e battuto per 328.800 EUR, nella sede milanese di Christie’s il 5 aprile. Rimane imbattuto quindi il top price dell’artista: Friendly Deterrent del 1958, esposto alla XXIX Biennale d’arte di Venezia nello stesso anno, con etichetta della Biennale stessa e fotografia raffigurante l’artista, che, con stima a richiesta, è stato battuto per 360.000 EUR dalla casa d’aste Meeting Art il 21 settembre 2014 che l’ha esposto nella copertina del catalogo.

friendly-deterrent

Friendly Deterrent (1958)

Non manca l’attenzione straniera per il lavoro pittorico di Dorazio: nei primi mesi del 2016 tra i venduti il 31% è estero. In Austria vengono venduti il maggior numero di lotti (13 opere per un totale di più di 370.000 Euro), anche se il fatturato maggiore è stato quello del Regno Unito (6 lotti per un totale di più di 410.000 Euro). Anche oltreoceano (Stati Uniti) vengono battute all’asta due opere di Dorazio: in particolare Grille 2 (1964) viene aggiudicato a 29.478 EUR contro una stima di 2.226 – 4.452 EUR. Quest’anno il 18% delle vendite è avvenuto all’estero, in particolare Austria e Svizzera. Il Regno Unito resta il paese dove le opere pittoriche di Dorazio fatturano di più (nonostante il numero di lotti inferiore) con circa 158.000 EUR di vendite totali (più del triplo della Svizzera e più del doppio dell’Austria).

Per quanto riguarda il catalogo delle opere dell’artista, L’Associazione Archivio Piero Dorazio, istituita dagli eredi del Maestro nel 2014, inizierà a breve la stesura del Catalogo Generale Ragionato delle opere del Maestro. Attualmente si può fare riferimento al volume Piero Dorazio, a cura di Marisa Volpi Orlandini, pubblicato da Alfieri a Venezia nel 1977.

L’opera No Stop (1996) di Dorazio, che fa parte degli allestimenti permanenti del MACRO di Roma, sarà visibile fino al 26 novembre in occasione della mostra Visioni Geometriche.

 

Photo credits:

Copertina

Allaccio A

Giallino

Friendly Deterrent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...