Basel premia il lavoro eccezionale di Minini

Mercoledì 14 giugno 2017 Art Basel ha ospitato nel Foyer Montreal del centro congressi di Basilea, la cerimonia del F.E.A.G.A. Award.  La Federazione delle Gallerie Europee ha incoronato Massimo Minini, storico direttore della Galleria Minini di Brescia. Il premio, una scultura dell’artista Leo Zogmayer ambitissima da tutti i galleristi, è stato assegnato a Massimo Minini per i successi ottenuti e per aver creato e diretto una galleria di alto livello.
La giuria era composta da Ernst Hilger, Presidente del F.E.A.G.A. Award, Adriaan Raemdonck (Belgio), presidente della F.E.A.G.A. – Federation of European Art Galleries Association, David Juda (U.K.), Kristian Jarmuschek (Germania), Gió Marconi (Italia), Victor Gisler (Svizzera).

8347261-0005

Premio meritassimo secondo Andrea Boghi, collezionista e avvocato bresciano, che riconosce in quella di Minini una delle sue gallerie di fiducia. «Massimo è un gigante – spiega Boghi – ed esercita da almeno 50 anni, svolgendo un lavoro di eccezionale professionalità e coerenza». Inoltre, continua «è riuscito a creare una collaborazione che oggi sta diventando fondamentale: quella tra pubblico e privato». Massimo Minini, infatti, è dal 2014 presidente della Fondazione Brescia Musei, ente cui fanno capo i principali musei bresciani.

Galleria Minini a Basel 2017

Massima riservatezza per la galleria su opere e prezzi in questa edizione di Art Basel. La preview delle opere in vendita era dedicata esclusivamente ai collezionisti, mentre per il grande pubblico titoli e autori erano avvolti nel mistero. Strategia interessante che, secondo l’assistente di galleria Viviana Bertanzetti, «contribuisce a mantenere vivo l’interesse nei lavori esposti». Strategica anche la scelta degli artisti per l’edizione di Art Basel 2017, che rappresenta da un lato, la sintesi della stagione appena passata e dall’altro, l’anteprima della prossima: quattro le opere di Anish Kapoor, che in persona aveva inaugurato la mostra dedicatagli in galleria lo scorso Gennaio, 20 gli scatti di Giovanni Anselmo a ricordare la personale di Ottobre e una scultura di Vanessa Beercroft, ad anticipare la mostra del prossimo Settembre.

 

 

Nonostante l’opera di punta fosse, a detta della galleria, Interferenza umana nella gravitazione universale, opera del 1969 di Giovanni Anselmo, sono tre Kapoor a salire sul podio per quanto riguarda i prezziIl più costoso, (730 000 £ IVA esclusa), venduto il primo giorno di fiera, non era presente in esposizione, mentre Random Triangle Mirror
(640 000 £ IVA esclusa) e Transparent Skin ( 500 000 £ IVA eslcusa) erano in trattativa.

La galleria presenziava anche nella sezione Ulimited con una grande opera di Paolo Icaro Foresta Metallica del 1967Si tratta di una collaborazione tra due gallerie, Massimo Minini e P420, giovane realtà bolognese, secondo cui sia i costi dello stand che gli eventuali ricavi vengono suddivisi. Il prezzo dell’intera installazione, che ha suscitato l’interesse di alcuni musei internazionali, è di 500 000 € (più IVA) .

«I ragazzi», come li chiama Massimo Minini, «fanno un bellissimo lavoro come galleria di scoperta. Sono partiti dai grandi maestri dell’arte italiana e ora cercano di inserire anche dei giovani all’interno del programma.» Una delle cose per cui Minini ha vinto questo premio è la volontà di condividere, condividere con i giovani. Ed ecco perché  una galleria come questa si mette insieme ad una galleria come P420, per apparire ad Unlimited. Quindi, conclude Bertanzetti «alle gallerie emergenti consigliamo di fare le cose e di farle bene, di approfondire e di avere curiosità».

Valentina Fin

Featured Image:  Anish Kapoor, january 2017, Installation View.  www.galleriaminini.it

Immagine 1: Massimo Minini, primo da destra, riceve il premio (Cavicchi/Lapresse)  http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/17_giugno_03/basel-art-premio-carriera-il-gallerista-massimo-minini-72b29dfa-482a-11e7-beec-6fc3ec1d3e39.shtml

Immagine 2: Anish Kapoor, Transparent Skin, Silicone, fiberglass and gauze 2016 (185x172x98). http://www.galleriaminini.it

 Immagine 3: Giovanni Anselmo, Interferenza umana nella gravitazione universale, 1969, 20 photographs (5×5 cm each).   http://www.galleriaminini.it

Immagine 4: Vanessa Beecroft, Manu rosa, vbm.013.10, 2010, Torso rosa portogallo, (130x70x40 cm), (kg 200 circa), Base breccia medicea e piastra azul Macubas, 1(40x80x50 cm), (kg 500/550 circa).  www.galleriaminini.it

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...