MAX ERNST AD ART BASEL 2016

Tra gli artisti moderni offerti dalle gallerie alla 47esima edizione di Art Basel (16-19 giugno) Max Ernst (1891 – 1976), uno dei capifila del movimento surrealista, era uno dei più presenti.

Le sue opere selezionate sono lavori appartenenti ad un arco temporale che copre tutta la produzione artistica dell’artista, dalla fine degli anni ‘10 all’inizio degli anni ‘60.

Subito nei primi due giorni Mitchell-Innes & Nash, stando a quanto affermato da Bridget Finn, co-direttore della galleria newyorchese, ha venduto Jeune femme en form de fleur (1944), opera eseguita durante il soggiorno dell’artista negli Stati Uniti, e Table Mise (1954), due sculture bronzee, ai prezzi rispettivamente di 100.000 e circa 80.000 USD.

La parigina Galerie Hopkins ha presentato cinque dipinti del tedesco con prezzi che si stanziavano fra 120.000 USD, cifra riservata ad un Senza titolo del 1962, a 4.300.000 USD de Les invités du dimanche, un olio su tavola di 55 x 65 cm del 1924, in pieno stile surrealista.

Ernst_Les_invit_s_du_dimanche

Max Ernst, Les invités du dimanche, 1924   Courtesy: Galerie Hopkins

Tra questa fascia di prezzo stavano le altre opere: Senza titolo, lavoro a collage e matita del 1931, Figure zoomorphe e La Carmagnole, due oli su tela datati rispettivamente al 1928 e al 1927.

La galleria Richard Nagy Ltd. ha esposto un Senza titolo, olio su cartone del 1939 circa, al prezzo di 650.000 USD, e la tavola alla vecchia maniera espressionista che raffigura Horse and Cows, risalente al 1919 circa, al prezzo 1.300.000 USD.

1432912077.287_115_o

Max Ernst, Horse and Cows, circa 1919   Courtesy: Richard Nagy Ltd.

Altri tre lavori dell’artista hanno caratterizzato lo stand di Landau Fine Art, galleria canadese che tratta gli artisti più importanti del XX secolo.

Queste opere, due tele e un bronzo, superavano il milione di dollari.

L’homme et la femme, un olio su tela datata al 1929-30 circa, era in vendita al prezzo di 1.350.000 USD. Salendo con le cifre troviamo An anxious friend, un bronzo con patina del 1957, al quale era stata assegnata la cifra di 1.750.000 USD.

Arriviamo alla fine a 3.500.000 USD de La fleur du dèsert, un dipinto ad olio e grafite su tela del 1925.

 

Paolo Borrelli

In copertina: Max Ernst, Table Mise, 1954    Courtesy: Mitchell-Innes & Nash

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...