Tokyo to #Basel2016: l’arte giapponese in fiera

Basilea. Da quarantasette anni un punto di riferimento imprescindibile per il mondo dell’arte contemporanea. Tra le oltre duecentocinquanta gallerie della sezione a loro dedicata, le realtà giapponesi presenti sono solo tre, anche se si tratta pur sempre della rappresentanza più nutrita dell’Estremo Oriente. Le tre gallerie sono la Taka Ishii Gallery, la Take Ninagawa e SCAI The Bathhouse, tutte di Tokyo. Art Basel diventa per loro una preziosa vetrina internazionale e offre agli artisti una visibilità del tutto imparagonabile rispetto alle fiere che si svolgono in Asia, come la Tokyo Art Fair o Art Basel Hong Kong, definite dagli stessi galleristi “realtà poco rilevanti sulla scena globale”.

photo_2016-06-20_14-41-24

Kunie Sugiura, Niagara, 1980

Tra le gallerie presenti, la più nota a livello internazionale è Taka Ishii, ad Art Basel dal 2009. Specializzata in fotografia, presenta una selezione di scatti di artisti giapponesi dal dopoguerra ad oggi. A fianco di conosciuti fotografi, come Kiyoji Otsuji, Kansuke Yamamoto, Kunie Sugiura, e Nobuyoshi Araki – attivi dagli anni Sessanta agli anni Ottanta – trovano spazio anche giovani talenti, tra cui Hanako Murakami. La giovane artista appena trentaduenne è presente alla fiera svizzera con “ANTICAMERA (OF THE EYE) #P1”, opera che, secondo Takayuki Ishii, direttore della galleria, ha particolarmente attirato l’attenzione del pubblico. L’artista che tuttavia riscuote più successo è Kunie Sugiura, la cui opera “Niagara”, due scatti montati su un’irregolare “cornice” in legno, viene venduta per 45.000 dollari. “L’esposizione – continua Ishii – riesce a stupire anche persone che non conoscono gli artisti in mostra e i risultati di vendita sono estremamente positivi”. Sette compratori su dieci sono occidentali, i nipponici solo il 10%. Il dato fa capire come il respiro degli affari della galleria sia decisamente internazionale. Ishii sottolinea come nel corso degli anni il suo ruolo nella scelta degli artisti e nell’allestimento del lotto espositivo – i primi anni il suo coinvolgimento personale era più marginale – sia stato sempre più attivo. Così come i risultati, migliori di anno in anno, che confermano l’approccio scelto.

photo_2016-06-20_14-41-46

Daisuke Ohba, X, 2016

Anche SCAI The Bathhouse, per quest’edizione di Art Basel, espone nel proprio spazio sia artisti ormai affermati sulla scena internazionale, sia giovani talenti. Yurika Shiraishi, figlia del fondatore Masami Shiraishi, fa in particolare due nomi, Kohei Nawa e Daisuke Ohba. Entrambi giovani – hanno rispettivamente 41 e 35 anni – sono accolti positivamente dal pubblico di Basilea: il dipinto “X” di Ohba viene venduto a 27.000 dollari, mentre “Villus-Deer (Black)” di Nawa, prende il volo il primo giorno della fiera. Shiraishi spiega come l’accoglienza ricevuta alla fiera sia ottima e come il nome di SCAI sia andato via via affermandosi nei dieci anni di partecipazione ad Art Basel.

Significativa anche la presenza della terza galleria, Take Ninagawa, che da quattro anni torna a Basilea. Tra gli artisti esposti Ken Okiishi, Aki Sasamoto, Tsuruko Yamazaki e Ryoko Aoi. Anche in questo caso gli acquirenti sono prevalentemente occidentali, attratti, secondo il gallerista, dai nomi ormai consolidati.

photo_2016-06-20_14-41-04

Yoshitomo Nara, MIA, 2016

Le gallerie che esponevano opere di artisti nipponici non sono però solo quelle citate. Blum & Poe, con sedi a Los Angeles, New York e Tokyo, può per esempio vantare una coppia di opere di due dei più conosciuti artisti giapponesi contemporanei: Yoshitomo Nara e Takashi Murakami. Il primo è autore di “MIA”, una tela venduta a poche ore dall’apertura della fiera per ben 700.000 dollari, mentre il secondo era presente con “Kōrin: I Cast the Self Aside – the Mountains and Streams Remain”, venduta a 600.000 dollari. Un’ulteriore conferma della fama internazionale di questi due artisti.

Insomma, presenza limitata per il Giappone, ma le cifre rimangono tutt’altro che irrilevanti, confermando l’apprezzamento per l’arte nipponica.

Federico Miyamoya

 [Cover image: Takashi Murakami, Kōrin: Chaos, 2015]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...