THE IMPORTANCE OF BEING A SOCIAL MUSEUM-FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO

<<Cosa penseranno oggi “quelli” della Sandretto?>> questo è l’effetto che fanno gli aggiornamenti social che arrivano dalla fondazione torinese: dietro questi contenuti c’è la mente dell’ufficio stampa e social media manager Silvio Salvo.

Questa settimana parliamo di una delle fondazioni d’arte più attive nella promozione dell’arte contemporanea internazionale in Italia, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Nasce nell’aprile 1995 a Torino, dalla volontà di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo di mettere a disposizione del pubblico la propria passione per l’arte dei giorni nostri, fornendo un aggiornamento continuo sulle tendenze non solo italiane, ma soprattutto estere (dando inoltre spazio espressivo a giovani curatori stranieri: si veda, ad esempio,una delle tre mostre attualmente in corso -insieme a Quarters di Magali Reus, I See A Darkness-Passo dopo passo, che si pone alla fine della X° edizione della Residenza per Giovani Curatori Stranieri). La Fondazione prende in considerazione trasversalmente tutti i campi dell’arte: dalla pittura alla fotografia, dalla scultura alle installazioni. Molto attivo è anche il dipartimento educativo, che differenzia la propria offerta in base a fasce d’età e gruppi di interesse, riuscendo così a creare un coinvolgimento più ampio possibile.

I contenuti trattati ed i nomi ospitati non sono certo di “facile” fruizione per l’audience italiana, poco avvezza a questo tipo di offerta culturale.

A fare da contraltare a questa complessità tematica troviamo la messa in campo di una strategia di comunicazione attraverso i social media dai toni leggeri (ma non banali!) e coinvolgenti: Silvio Salvo da sfogo a tutta la sua creatività comunicativa, dimostrando una sterminata cultura cinematografica e letteraria, che usa a supporto della promozione degli argomenti trattati.

I suoi post raggiungono 22.328 contatti su Facebook, 13.000 followers su Twitter e 7.040 su Instagram.

sandretto_specchio

Analizziamo più da vicino i contenuti dei tre social.

Per quel che riguarda Facebook la media di pubblicazione oscilla tra i 5 e i 6 post al giorno (escludendo il week end, durante il quale sembra mantenersi più attivo il profilo Twitter, trasmettendo più che altro informazioni di tipo pratico). Al di là della quantità, ciò che colpisce è la qualità dei post: il tono usato è dichiaratamente ironico, toccando anche i limiti dell’assurdo. Un assurdo che crea un alto engagement ed incuriosisce, perché supportato opportunamente da rimandi pop.
I contenuti informativi/istituzionali permangono ma spesso vengono affiancati da fotomontaggi: Renato Pozzetto e la sua espressione smarrita, Carlo Verdone “unsaccobbello”, la saggezza dell’onnipresente Yoda e il tenebroso Dylan Dog che si muovono sullo sfondo dell’ingresso e degli interni della Fondazione fanno da spalla ad un contenuto scritto che gioca su slogan e citazioni. La fantasia photoshoppata del profilo Facebook della Sandretto non ha limiti.
Molta cura è inoltre riposta nella documentazione del “dietro le quinte” e delle attività svolte all’interno della fondazione, il tutto sempre affiancato da un tone of voice tagliente, arricchito da rimandi cinematografici, letterari e musicali.

base_toppost

Il post Facebook più cliccato della settimana

I contenuti che costituiscono la struttura portante del profilo Facebook vengono di solito ricondivisi sugli altri due canali social.

Su Twitter ritroviamo la condivisione dei medesimi temi del primo social: nello specifico, analizzando l’ultima settimana di pubblicazione, vanno per la maggiore tweet dal contenuto fotografico (13 post, tra i quali i fotomontaggi mirabolanti di cui sopra), seguiti dalla pubblicazione di link (11) inerenti alle attività svolte all’interno della fondazione e di rassegna stampa (custodita da Yoda). Il tutto sempre accompagnato da testi in grado di attirare l’attenzione, ricalibrati magistralmente nei 140 caratteri standard. Twitter è anche il luogo di maggior dialogo diretto con gli utenti: nell’ultima settimana 22 new contents; 10 reshared contents; 8 replies to others.

base_toppost

Il post Twitter più cliccato della settimana

Per quel che riguarda Instagram la media di pubblicazione di questa settimana è di 2.9 post per day: questo canale social è quello in cui si genera il più alto tasso di engagement in relazione al numero di follower. Qui vengono valorizzati a pieno i contenuti fotografici, già ampiamente utilizzati negli altri due media: la “sede naturale” che ospita questi contents riesce a creare in modo sistematico uno storytelling efficace, alternando i personaggi che popolano il “mondo fatato” della Sandretto e le foto di backstage (che risultano le più apprezzate).Grande spazio viene inoltre lasciato alla documentazione delle attività didattiche all’interno degli spazi della Fondazione, soprattutto attraverso primi piani alle facce dei piccoli partecipanti, concentrati nelle loro creazioni: un modo tutto personale di rappresentare questo tipo di attività, solitamente raffigurate “da lontano”.

base_toppost

Il post Instagram più cliccato della settimana.

La Sandretto si rivolge di certo ad un pubblico di “nicchia”, considerata la propria offerta in senso assoluto ma anche in relazione all’offerta culturale della solidissima rete torinese. La scelta di utilizzare i contenuti sopra descritti risulta vincente nel momento in cui genera voglia di saperne di più nei “fedelissimi” e curiosità in coloro che non hanno mai visitato la Fondazione, ma ne conoscono il nome. Da un altro lato potrebbe esserci il rischio di non catturare completamente la parte di pubblico che non conosce per nulla le attività della Sandretto. Ma d’altronde, per citare uno degli ultimi post, “E’ il social, bellezza!”

Giorgia Restaneo

Giulia Masini

Elisa Ingrosso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...