Ars/Ius

Il sistema dell’arte è tendenzialmente privato, non trasparente e – purtroppo – caratterizzato da una scarsa accountability. Negli ultimi dieci anni è stato interessato da importanti processi che hanno cambiato gli elementi caratteristici propri di un sistema, fino a pochi anni fa, sviluppato intorno ad un mondo piccolo di gallerie, collezionisti ed istituzioni, concentrate su un numero limitato di aree geografiche. Quali sono stati questi cambiamenti?

  • Una crescita delle dimensioni del mercato (sia in termini di liquidità che di fatturato e di domanda nonostante il periodo di crisi economica attualmente attraversato dall’economica mondiale);
  • Una crescita delle nuove tecnologie con un’intromissione forte delle rete informatica anche nell’esposizione, circolazione e valorizzazione delle opere d’arte
  • Una crescita della inner industry del sistema (fiere, biennali, gallerie, musei, centri espositivi).
  • Uno spostamento geografico degli interessi con l’introduzione nel mercato dei BRIC, sia come collezionisti che come luogo di fiere e aste nonché come istituzioni non di mercato, quali i musei.

Dal momento in cui il mercato dell’arte sta assumendo modalità di relazione con il contesto economico-finanziario che porta il sistema dell’arte a legarsi sempre più alle logiche e alle pratiche commerciali e industriali, i quesiti e le problematiche di natura giuridica emergono, ora più che mai, con forza. Gli interessi giuridici in gioco sono complessi e differenziati; vi è spesso un conflitto tra gli istituti privatistici, che tutelano la proprietà, e quella che è la natura pubblicistica dell’arte, connotata da una particolare funzione sociale ed educativa.

Il diritto dell’arte appare così come un terreno ancora poco esplorato ma di fondamentale importanza.

Definiamo quindi il termine diritto dell’arte: neologismo utilizzato per indicare un sistema giuridico complesso che si interessa della disciplina di ogni rapporto che abbia a che fare con l’opera d’arte, la sua circolazione o con l’artista e le vicende che riguardano o l’uno o l’altro, il diritto dell’arte abbraccia diverse discipline giuridiche, che vanno dal diritto successorio al diritto internazionale, dalla tutela della proprietà intellettuale al diritto assicurativo fino al diritto commerciale, sia nell’ambito civile che in quello penale. Particolarmente intenso il legame con il “diritto d’autore” e il “diritto dei beni culturali”.

Sebbene si tenda spesso ad attribuire un significato molto ampio al termine arte, il diritto dell’arte riguarda prevalentemente le opere di arte figurativa, plastiche, tattili, visive (scultura, pittura, grafica, disegno, fotografia, computer art, video art, eccetera).

Nel corso delle pubblicazioni di questa rubrica il nostro obiettivo sarà quello di approfondire i temi del diritto dell’arte guardando, per ogni argomento, da un lato a quelle che sono le problematiche giuridiche più interessanti e dall’altro alle soluzione concrete necessario ad un mercato dell’arte in continua e veloce evoluzione.

Cristiana Vergobbi
Viola Ammenti


					
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...