Finding Avant-garde!

In un’intervista del 7 maggio 1997 (trasmessa dal telegiornale di RAI 3), lo storico dell’arte Germano Celant, noto per aver coniato nel 1967 la definizione di “Arte povera” e per aver chiaramente criticato ogni mercificazione dell’arte, ha ammesso di essersi ricreduto in merito, sostenendo: il mercato è dappertutto, togliamoci questa metafisica attitudine! Partendo dal suggerimento di Celant, bisognerebbe assumere un atteggiamento meno prevenuto verso l’arte come fonte di guadagno, specialmente in Italia. Tale prospettiva consentirebbe a noi giovani, appassionati dall’universo creativo, di avere realmente maggiori possibilità lavorative nel settore.DSC_0105

Sarebbe bello se l’università ci preparasse alla realtà, illustrandoci i limiti con cui ogni giorno il nostro paese si scontra nella gestione del patrimonio culturale. Sarebbe anche più costruttivo se i docenti universitari si preouccupassero di raccontarci, al di là dei libri, cosa succede quotidianamente nel mondo dell’arte, anche in termini di mercato. E sarebbe ancora più utile guardare ai musei non più come dei semplici contenitori di quadri, messi in fila senza un apparente criterio, ma finalmente quali luoghi interattivi dove vivere esperienze sempre nuove e sempre diverse.

A tal proposito è necessario studiare cosa succede all’estero, si pensi alla Tate di Londra, al MoMa o al MET di New York, spazi vivi, ricchi di stimoli e possibilità, dove la comunicazione è al centro di ogni singola attività, il fruitore è “coccolato” e reso costantemente protagonista di eventi e mostre. Mi piace allora immaginare che i musei italiani, ispirandosi a queste realtà, diventino posti all’avanguardia che, pur conservando la loro autenticità, si accerchino di manager della cultura giovani e appassionati come noi, disposti a credere realmente nell’arte come investimento; tutto ciò senza mai perdere di vista l’indispensabile scientificità delle iniziative, in una sinergia perfetta tra economia e cultura.

Maria Elveni

credits
fonte: Francesco Poli, Il sistema dell’arte contemporanea, Editori Laterza 2011
photo: maria_elveni
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...