LO STAFF SI RACCONTA IN HANGARBICOCCA

HB Public, il programma di appuntamenti gratuiti che Pirelli HangarBicocca dedica all’incontro con i visitatori si arricchisce di un nuovo format: Lo Staff Racconta.

Due sono gli obiettivi principali: il primo è permettere al pubblico di conoscere le diverse professionalità che lavorano all’interno di Pirelli HangarBicocca; il secondo mira a dare una visione dall’interno sulle sfide e le criticità che i membri dello staff affrontano nella realizzazione di un percorso espositivo.

Non solo una visione curatoriale e artistica, come ci raccontano Francesca Trovalusci e Laura Zocco, rispettivamente responsabile di valorizzazione e promozione e responsabile del dipartimento educativo. «L’ idea è offrire al pubblico il punto di vista dei vari dipartimenti che lavorano collateralmente e sinergicamente all’interno dello spazio espositivo».

Attraverso Lo Staff Racconta il backstage diventa protagonista e con esso tutte quelle professioni non direttamente connesse con la sfera “artistica”. La promozione della mostra, l’allestimento e la manutenzione, i percorsi didattici, la gestione del buio dell’Hangar sono solo alcune delle maggiori sfide da affrontare. «Un artista che non concede interviste è una criticità in termini di comunicazione» ci spiegano le due professioniste, «e un percorso didattico per una mostra di video arte sarà molto diverso rispetto ad un altro pensato per un’esposizione senza video». La presenza di due camere oscure artigianali e di video su pellicola nella mostra Papagaio dedicata ai due artisti portoghesi João Maria Gusmão e Pedro Paiva, in corso fino al 26 ottobre, ha richiesto la formazione di un personale addetto alla manutenzione delle installazioni. Inoltre lo spazio dell’Hangar, avvolto spesso dall’oscurità rende il percorso difficile al visitatore, soprattutto ai più piccoli.

«Chi si occupa di produzione, di educational, di valorizzazione e promozione o di stampa si approccia e affronta ogni singola mostra in maniera diversa per soddisfare le esigenze delle proprie tipologie di fruitori» spiegano Trovalusci e Zocco. «Il format vuole stimolare pubblici dai diversi interessi: il racconto di chi ha curato l’allestimento può interessare operatori del settore o studenti di scenografia, il lavoro di chi progetta i percorsi educativi può dare spunti ad altri operatori didattici o a chi desidera formarsi nel settore della didattica museale. La narrazione delle dinamiche per una buona comunicazione può dare stimoli a chi si occupa di stampa o promozione e può aiutare a capire come muoversi nel mondo dell’arte. E’ un’occasione per chi lavora sul campo di trasmettere le proprie conoscenze e la propria passione a visitatori con interessi e inclinazioni differenti.»

I primi incontri de Lo Staff Racconta hanno evidenziato una positiva risposta di pubblico e sono previsti ulteriori appuntamenti per le mostre future.

Benedetta Désirée Le Donne

 

Foto:  courtesy HangarBicocca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...