“Lonely Loricariidae” di David Brooks: quando l’arte contemporanea incontra la scienza

IMG-20140721-WA0003

David Brooks è un artista americano nato a Brazil, Indiana, nel 1975. E’ rappresentato dalle gallerie American Contemporary (New York) e Saatchi Gallery (London). Le sue opere sono caratterizzate dal tema del rapporto tra individuo e ambiente naturale e dall’ossessione umana per lo studio e la catalogazione della natura. Come spiega lui stesso in un’intervista agli studenti del Master presenti ad Art Basel, la fiera internazionale di arte contemporanea tenutasi a giugno a Basilea:

“Se possiamo dare ordine alla natura, possiamo controllarla. Questo è un aspetto del mio lavoro: esplorare varie idee di dominazione.”

 Questi temi sono presenti anche nell’installazione Lonely Loricariidae presentata quest’anno dall’artista e da American Contemporary ad Art Basel. L’installazione consiste in cinque acquari disposti su una panchina da stadio con cinque pesci appartenenti a specie ancora sconosciute alla scienza ittologica. L’opera ragiona sul tema del vuoto nello scibile della conoscenza umana, in quanto questi pesci non sono stati classificati perché gli esperti non hanno ancora capito a quale specie possano appartenere. L’unico modo in cui lo spettatore può fruirli è come semplici individualità. Tuttavia, la loro disposizione negli acquari e il contesto della fiera permettono di colmare questo vuoto identitario con una struttura commerciale, poiché questi pesci così rari sono ricercatissimi nelle ricche collezioni di animali esotici. Le individualità esposte acquistano così un nuovo significato: da enigmi scientifici diventano animali da collezione.  L’installazione di David Brooks dialoga con il contesto di Art Basel anche in un altro modo, in quanto in fiera quei pesci sono percepiti principalmente come opere d’arte. Inoltre, la loro posizione sugli spalti della panchina è sottilmente ironica: sebbene siano l’oggetto artistico dello sguardo del pubblico, loro stessi sono disposti come un pubblico che osserva lo “spettacolo” delle persone che visitano lo stand, invertendo completamente i ruoli e l’oggetto dell’interrogazione artistica. Alcuni dei lavori di Brooks esprimono una critica manifesta al modo in cui l’essere umano si pone nei confronti del mondo naturale, tuttavia questa critica non è mai didattica in quanto, come nel caso di Lonely Loricariidae, per capire il significato dell’opera è necessario chiederlo all’artista. E questo è il principale motivo per cui Brooks stesso era presente alla fiera. Nelle parole dell’artista:

“È un lavoro che spinge il pubblico a porsi delle domande più che dire loro cosa pensare.”

David Brooks ha esposto, tra gli altri, presso il Miami Art Museum e il MoMA/PS1. Nel 2010 ha ricevuto una borsa di studio dalla Fondazione per l’Arte Contemporanea, e nel 2012 un assegno di ricerca dalla Fondazione Nutria. Attualmente vive e lavora a New York City.

 

Elisa Giuliana

Nicole Beatrice Malizia

 

Cover Photo courtesy of Art Basel

Photo: Artist David Brooks and Gallerist Matthew Dipple of American Contemporary Gallery

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...