Artiste protagoniste di “Feature” ad Art Basel 2014

New Zagreb (People behind the window)-Sanja IvecovicTre le presenze più in vista della sezione “Feature” di Art Basel 2014 ci sono le donne. Su 24 gallerie provenienti da tutto il mondo inserite in questa sezione ben nove hanno, infatti, scelto di presentare le opere di artiste di diversa nazionalità. L’effetto è ben visibile lungo i corridoi dedicati a “Feature”. Tra le varie opere l’installazione a quattro canali di Beryl Korot (Bitform gallery, New York), pioniera della video arte, è vicina di casa di Mary Kelly (Pippy Houldsworth gallery, Londra) con un lavoro concettuale dal taglio sociologico che indaga la relazione intersoggettiva tra madre e bambino. All’interno della galleria Raffaella Cortese (Milano) dialogano invece le fotografie del viaggio a Cuba di Ana Mendieta (tra i 40.000 e gli 80.000 dollari)  e alcuni scatti inediti di Martha Rossler (10.000 dollari per pezzo). La memoria sembra essere uno dei temi dominanti e si tratta in molti casi di lavori storici, ma al contempo inediti, come alcune opere di Betty Thompkins, già presente nella collezione del Centre Pompidou di Parigi. L’artista è proposta dalla galleria belga Rodolphe Janssen tramite i suoi quadri fotorealistici che riproducono rapporti sessuali, talmente dettagliati e spersonalizzati da tendere alla dimensione astratta; insieme a collage e disegni di minori dimensioni. Giunti quasi alla chiusura della fiera i galleristi di “Feature” si dicono pienamente soddisfatti. Per molti di loro era la prima partecipazione a Basilea e per tutti l’importante è stato avere la possibilità di farsi conoscere e di mostrare l’evoluzione di ogni singola artista attraverso le sue opere. Questo è risultato fondamentale anche dal punto di vista del mercato. La terza edizione di “New Zagreb (People behind the windows)”,intervento cromatico sulla fotografia di un giornale ufficiale yugoslavo del 1979 di Sanja Ivekovic, è l’opera più costosa esposta dalla spagnola Espanvisor ed è stata venduta per 115.000 euro. La sezione “Feature” ha suscitato un grande interesse soprattutto da parte delle istituzioni pubbliche, alcuni musei di livello internazionale. Per esempio Beryl Korot è, in contemporanea alla fiera di Basilea, in mostra alla Tate Modern di Londra. “Post-Partum Document: Documentation VI, Pre-writing Alphabet , Exergue and Diary (second edition)”,1978/2010, dell’americana Mary Kelly invece, è stato acquistato da un collezionista privato. I suoi lavori sono quotati tra i 50.000 e i 300.000 euro.

Potete scaricare il report completo qui

Irene Sasso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...