LA CINA EMERGENTE A BASILEA 2014

Galerie Urs Meile (Lucerna-Pechino)

Sono soprattutto le gallerie con sede in Cina ad avere proposto ad ArtBasel 2014 le più interessanti promesse nel panorama contemporaneo cinese. Accanto ad artisti emergenti già in vista, come Xu Zhen e Liu Wei, sono apparsi anche nomi giovanissimi che si affacciano in questo momento sulla scena internazionale.

Xu Zhen (1977) è una delle stelle in più rapida ascesa. Vincitore nel 2004 del China Contemporary Art Award, l’artista ha partecipato a varie Biennali di Venezia e nel 2014 è stato scelto per una commissione speciale all’Armory Show. A Basilea è entrato ad Art Unlimited con la scultura “Eternity” e nella mostra parallela “14 Rooms” con “In just a blink of an eye”. Da giugno 2013 si è affacciato sul mercato delle aste cinesi e londinesi, strappando prezzi di aggiudicazione sempre sopra alle stime e variabili dai 70.000 dollari di un lavoro su carta ai 500.000 dollari di un dipinto. È rappresentato dalla galleria Long March Space di Pechino.

La stessa galleria ha esposto il pechinese Liu Wei (1972), presentato anche da White Cube e da Lehmann Maupin (NY e Hong Kong). La sua ispirazione artistica è eterogenea e si esprime in un’ampia varietà di medium. Ha partecipato alle Biennali di Seoul, di Venezia, di Shanghai, ed espone anche nella Saatchi Gallery di Londra. Lunga e internazionale la sua presenza in asta: ad Aprile il dipinto “Purple Air III N.11” ha  battuto i 426.000 dollari da Christie’s a Shanghai. In fiera il suo price range si aggira intorno ai 150.000-180.000 euro per i dipinti e ai 250.000 euro per le sculture.

Due giovanissimi artisti, Li Gang (1986) e Yan Xing (1986), sono stati esposti dalla Galerie Urs Meile di Lucerna-Pechino. Li Gang (price range: 5.000-30.000 euro) gioca con materiali eterogenei per sfidare i confini tra installazione, scultura e pittura. Le opere fotografiche di Yan Xing (Chinese Contemporary Art Award 2012) presentano nudi maschili idealizzati e sofferenti che incarnano l’assenza autobiografica di una figura paterna. Mentre una singola opera viene venduta a 9.000 euro, le installazioni possono raggiungere gli 80.000 euro. Non ancora sul mercato delle aste, entrambi stanno tuttavia conoscendo una progressiva affermazione internazionale, favorita dalla duplice sede della galleria e dalla sua partecipazione ad ArtBasel Miami Beach, che ha diffuso i due nomi presso il collezionismo statunitense e sudamericano.

Vitamin Creative Space (Pechino) ha portato un variegato ventaglio di giovani artisti. Tra di essi spicca Hao Liang (1983), che lavora su rotoli di seta danneggiati. Entrato nel mercato delle aste nel 2012 presso case cinesi, nel 2013 ha compiuto un salto di qualità comparendo nelle aste asiatiche di Poly, Christie’s e Sotheby’s, superando sempre le stime con prezzi variabili da 30.000 a 300.000 dollari.

Qui un approfondimento sugli artisti cinesi affermati presenti a Basilea 2014.

Michele Gnecchi

 

Immagine: Li Gang “Beads N.2” (2012-2013), sfere di legno scolpite da un albero morto nella provincia dello Yunnan – Courtesy of Galerie Urs Meile

Risultati d’asta: it.blouinartinfo.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...