Perchè arte e management vanno di pari passo

Una bimba dalle piccole paffute manine che scivolano velocemente tra i colori della tavolozza e riempiono di vita, con piccoli scatti, il vuoto di un foglio inanimato: questa la prima immagine di arte della mia infanzia. Nel tempo, l’esplosione di creatività infantile che derivò dall’innocenza di quel semplice gesto, mi regalò la convinzione che l’arte, come intimo e sublime mezzo di espressione personale, fosse lo strumento spirituale più nobile per manifestare al mondo l’afflato vitale che si divincola ed esplode in ogni individuo. Questo imprescindibile strumento di comunicazione, individuale e collettivo, necessita di essere preservato da un’eccessiva superficialità sommata ad una valorizzazione stagnante dell’opera d’arte in senso lato. Il ruolo del management risulta dunque essenziale per la gestione e il coordinamento di un settore la cui fruizione sia accessibile a tutti. Attraverso le sue logiche attuali risulta uno strumento di tangibile efficienza per il sostegno e la divulgazione di una nuova sensibilità verso il patrimonio culturale ed artistico che ci circonda. Recuperando valori apparentemente estinti, può trasformarsi nell’unico mezzo efficace in grado di riconsegnare un’autentica dignità al ruolo dell’arte e del suo artista.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...