Nuova scoperta alla 55. Biennale di Venezia: Papa Ibra Tall

image(1)

Artista senegalese nato a Tivaouane nel 1935 , Papa Ibra Tall, si trasferì nel 1955 a Parigi per frequentare l’École Spéciale d’Architecture. In questa occasione Leopold Senghor, poeta e futuro presidente senegalese, entra in contatto con i suoi disegni e ne rimane profondamente affascinato tanto da convincere Tall ad intraprendere la carriera artistica aiutandolo anche ad ottenere una borsa di studio all’École Nationale Supérieure des Beaux-Arts.

Grazie alla vicinanza di Senghor, Papa Ibra Tall si avvicinò al movimento della Négritude, che fin dai primi giorni del suo arrivo in Francia, lo aveva profondamente attratto. Proprio dalle fondamenta del movimento l’artista senegalese prese spunto per la creazione dei suoi lussureggianti arazzi, disegni e dipinti.

image(3)

I pensatori della Négritude sostenevano l’esistenza di un’identità razziale e culturale che legava i neri di tutto il mondo in netto contrasto con il pensiero del dominio coloniale delle nazioni africane.

Tall si allontanò sempre più dal mondo dell’arte europeo per concentrarsi sui miti africani che fa tuttora rivivere attraverso colori sgargianti e fantasie decorative.

Questa ricerca lo riportò nella sua terra d’origine dove divenne una delle figure portanti dell’arte senegalese impegnandosi anche nella fondazione di un laboratorio di arazzi e un dipartimento all’ École des Beaux-Arts di Dakar.

In occasione della 55. Biennale di Venezia le opere di Papa Ibra Tall varcano per la prima volta i confini dell’Africa e vengono esposte in una delle sezioni dell’Arsenale. L’osservatore passando tra le diverse stanze non può non esserne attratto perché come scrive Marco Stancati “Papa Ibra Tall è un portatore sano di Africa e te la passa attraverso arazzi, dipinti e disegni: ti contagia, letteralmente, con il colore”.

Giulia Pasinetti

Photo © Giulia Pasinetti

2 thoughts on “Nuova scoperta alla 55. Biennale di Venezia: Papa Ibra Tall

  1. Pingback: BIENNALE 2013 | Master economia e management dell'arte e dei beni culturali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...