Il coraggio ha in sé genio, potere e magia. (W. J. Goethe)

images l'inutile

“LiNUTILE è un teatro semplice, diretto e lineare, nato nel 2006 dall’unione di artisti professionisti di diversa formazione, con l’obiettivo di proporre spettacoli che coinvolgano il pubblico in modo inatteso, senza catalogare la propria attività nel cliché dell’intrattenimento, della ricerca o del classico. Riscoprendo il teatro come forma diretta di comunicazione, L’iNUTILE si propone di interagire e crescere insieme al suo pubblico; e se dalla sua parte si presenta con mezzi elementari e di facile fruizione, chiede allo spettatore partecipazione al gioco a cui è invitato.
Quella offerta dal Teatro de LiNUTILE è un’occasione assolutamente unica di reale scambio, dove il ruolo di chi offre e chi riceve muta continuamente con l’evolversi del racconto.
Niente di nuovo, ma solo di dimenticato”.

matrice_accademia inutile

Così si apre la pagina di presentazione sul sito dell’Associazione culturale e teatrale L’iNUTILE di Padova (http://www.teatrodelinutile.com/), conosciuta in quanto beneficiaria di un premio nell’ambito della prima edizione del bando fUNDER35 – il fondo per l’impresa culturale giovanile 2012, organizzato dalla Banca Cariplo di Milano. In occasione di quella giornata, in cui eravamo presenti come uditrici, in qualità di studentesse del 4° Master in Economia e Management dell’Arte presso il Sole 24 Ore, siamo venute a conoscenza del progetto “Un fundraising team per Linutile” e abbiamo deciso di concentrarci su questo e di condurre un’intervista alla responsabile del fundraiser dell’Associazione Marianna Martinoni per avere qualche notizia in più. Poichè l’Associazione ormai da 6 anni è attiva sul territorio e conduce attività teatrali e laboratori per adulti e bambini, nelle scuole e nelle imprese locali, legate alla sensibilizzazione verso tematiche di natura sociale, e poichè ormai è molto conosciuta ed apprezzata, si è sentita l’esigenza di disporre di una sede più centrale ed ampia per lo svolgimento delle loro attività: questo il motivo per il quale si è manifestata la volontà di partecipare al bando. Nel caso di vittoria, come poi del resto è avvenuto, l’Associazione quindi avrebbe stabilito un programma triennale di ricerca di finanziamenti con gli obiettivi di identificare una nuova sede dell’Associazione sia come residenza dell’Accademia dell’iNUTILE, che come spazio teatrale professionale, nonchè di promuovere e potenziare le attività svolte dall’Associazione attraverso e un’intensificazione dei settori di marketing e comunicazione dell’Associazione stessa.

Riporto di seguito l’intervista da noi realizzata.

Francesca: con quali risorse siete partiti? Dove avete reperito le vostre risorse per la start up e per la gestione ordinaria?

Marianna: inizialmente c’è stato unicamente un grande impegno da parte dei soci fondatori dell’Associazione, in particolare dei direttori artistici Marta Bettuolo e Stefano Eros Macchi che hanno investito e sostenuto il costo dei lavori di riconversione creativa dello spazio preso in gestione, dell’affitto e delle spese correnti, nonché delle prime iniziative di promozione e comunicazione. In un secondo momento si è lavorato molto sulla creazione di partnership con aziende che fornissero delle sponsorizzazioni tecniche (strategia di fundsaving più che fundraising).

Francesca: quali difficoltà avete avuto nel reperire le risorse?

Marianna: quando ho cominciato a lavorare come fundraiser per Linutile abbiamo tentato di verificare tutte le possibilità di finanziamento, sia nel settore pubblico (in particolare Comune, Provincia e Regione) che privato (Aziende e Fondazioni soprattutto). Nel 2008 l’Associazione era nata da poco e pertanto non era facile “competere” soprattutto nel settore dei finanziamenti pubblici con altre onp operanti nel settore da più tempo. Con le aziende del territorio è stato piuttosto difficile creare delle collaborazioni su contatti “Freddi”, mentre alcuni importanti risultati sono arrivati valorizzando la rete relazionale dei soci dell’associazione. Per quanto riguarda il fundraising da fondazioni ed enti di erogazioni, è stato importante sia accreditare l’Associazione e fare crescere in città la notorietà del teatro, sia presentare l’Associazione in contesti diversi, mappare in modo continuativo tutte le opportunità presenti nel territorio locale o nazionale.

Francesca: a quanto ammonta il vostro budget ordinario annuale per svolgere la vostra attività?

Marianna: circa 45 mila euro.

Francesca: qual è l’ultimo vostro risultato economico di gestione?

Marianna: il risultato economico dell’associazione è sempre stato in pareggio.

Francesca: In che misura % potete contare sulle risorse da voi prodotte e in che misura da contributi pubblici o privati?

Marianna: il 28% sono le risorse prodotte dall’attività del teatro, il 45% il contributo messo dai soci fondatori, il 27% contributo erogato da enti privati (fondazioni bancarie e di impresa), il contributo pubblico nel 2012 è stato pari a 0%.

Francesca: avete sviluppato un’attività di fundraising?

Marianna: l’attività di fundraising è stata sviluppata dalla fine del 2008.

Francesca: svilupperete un’attività di crowdfunding?

Marianna: da un anno e soprattutto da quando abbiamo superato la soglia dei 1000 fan sulla nostra pagina facebook, stiamo pensando di attivare una campagna di crowdfunding mirata ad un progetto specifico, quello del finanziamento di alcune borse di studio per i ragazzi tra i 14 e i 18 anni che frequentano l’Accademia de Linutile.

Francesca: come siete giunti a conoscenza del bando Acri?

Marianna: effettuiamo costanti monitoraggi delle opportunità offerte da Fondazioni Bancarie e Fondazioni di Impresa.

Francesca: quali consigli dareste a dei giovani che desiderano intraprendere una start up culturale?

Marianna: per rispondere a questa domanda se posso utilizzo le parole di Goethe…

“Fino a che uno non si compromette, c’è esitazione, possibilità di tornare indietro e sempre inefficacia. Rispetto ad ogni atto di iniziativa e creazione c’è solo una verità elementare, l’ignoranza uccide innumerevoli idee e splendidi piani.

Nel momento in cui uno si compromette definitivamente, anche la provvidenza si muove. Ogni sorta di cose accade per aiutare, cose che altrimenti non sarebbero mai accadute. Una corrente di eventi ha inizio dalla decisione, facendo sorgere a nostro favore ogni tipo di incidenti imprevedibili, incontri e assistenza materiale, che nessuno avrebbe sognato potessero venire in questo modo.

Tutto quello che puoi fare, o sognare di poter fare, incomincialo. Il coraggio ha in sé genio, potere e magia. Incomincia adesso”.

W. J. Goethe 

Hanno collaborato alla realizzazione delle interviste: Chiara Fassio, Francesca Meinero, Giulia Pasinetti, Enrica Piacentino, Valentina Toscano.
Immagini: courtesy Associazione L’iNUTILE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...