Perchè arte e management vanno di pari passo: Greta Bortolotti

Ancora oggi l’accostamento dei termini arte, economia e management è percepito con ostilità e riluttanza, soprattutto dalla parte più conservatrice della comunità. Da un lato, la natura astratta del concetto di arte induce gli economisti ad escludere dal campo di applicazione delle proprie teorie i beni artistici e culturali. Dall’altro, artisti e teorici dell’arte non vedono di buon occhio una commistione tra le due discipline, come se il pragmatismo dell’economia e del management potessero in qualche modo togliere nobiltà d’animo all’arte. In realtà, se rispettate le peculiarità dei beni artistici, una loro corretta gestione non può che generare vantaggi, anche dal punto di vista economico. Gestire correttamente l’arte significa, infatti, mettere in atto una serie di attività di tutela, promozione e valorizzazione in grado di migliorare sia l’aspetto culturale della fruizione, legato alla divulgazione di conoscenze, sia quello economico, legato alla commercializzazione di opere d’arte. La gestione dovrebbe essere affidata a figure professionali specifiche che godano di competenze multidisciplinari e siano consapevoli del valore emozionale che distingue i beni artistici dai classici beni di consumo. Tale approccio dovrebbe essere considerato ancora più importante in un Paese ricco di arte come l’Italia, esattamente come in Islanda o in Arabia Saudita si considerano le implicazioni economiche legate allo sfruttamento della geotermia o del petrolio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...