Perchè arte e management vanno di pari passo: chiara fassio

L’arte non è business. Perlomeno non solo. L’arte non deve far proprie logiche di profitto tipiche dell’imprenditoria, bensì deve piuttosto servirsi di elementi che appartengono all’esperienza del “saper gestire” un’azienda. È necessario evitare ogni forma di ritrosia nei confronti di saperi tecnici non ritenuti degni del mondo dell’arte e la comunità stessa di persone operante in ambito culturale dovrebbe imparare a dialogare mediante un linguaggio sempre più contaminato da espressioni tipiche della retorica manageriale. Il sistema della cultura dovrebbe servirsi di concetti quali: pianificazione, organizzazione, coordinamento, controllo, trasparenza, efficacia, efficienza, responsabilità o “accountability”, ovvero l’essere tenuti a dar conto del proprio operato. D’altro canto, l’arte o la creatività in senso lato possono essere supporto del management e motori di nuovo sviluppo economico.

One thought on “Perchè arte e management vanno di pari passo: chiara fassio

  1. Pingback: Chiara Fassio | Master economia e management dell'arte e dei beni culturali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...